venerdì 3 settembre 2010

Ma com'è che il ghiaccio brucia?

Mi sentivo pronta, ero sicura che potevo togliere le rotelle!
Mio padre, da dietro, mi dà l'ultima spinta e poi sono finalmente pronta a prendere il volo, da sola, indipendente, libera e felice.
Per qualche metro mi sembra di volare, vado sorridente nel vento!!! Ce l'ho fatta! Sono grande!
Poi è un attimo: stesa per terra, lui sopra di me, quel rigagnolo caldo che mi scorre sullo stinco, e il ginocchio sbucciato. Guardo l'amica, con la faccia da uffa, lei sorride e con l'altra si adopera con garze e cerottini... "le rotaie?" dicono tutti "un classico!". Anche il piccolo Sospiro, con i suoi occhioni dolci, dal basso mi guarda e mi chiede "ma il casco ce l'avevi?" e aggiunge che a lui è già successo due volte!
Ma secondo me, lo dicono solo per farmi ridere!

2 commenti:

Anonimo ha detto...

mi è piacuto leggerla...peccato che il ginocchio dolorante e le rotaie non sono solo fantasia e immaginazione :D

la_stupida ha detto...

lo sapevo io che non dovevo impennare!! : )