venerdì 6 agosto 2010

Esisto un po' di più

Un attimo, è stato un attimo vedere tutte quelle immagini scorrere in una slide impazzita. Mi sono vista come un rettangolo nero, bellissima sotto una coperta che nasconde fianchi e un sedere da mordere. Mi sono vista felice, sorridente, contenta per mille, semplici, piccole cose. Ho sentito un profumo, i polpastrelli hanno sfiorato. Sono stata una papera in riva al mare. Sono stata la grazia.
Il respiro mi ha abbandonato perchè quelle bellissime parole sussurrate, che cercano di ravvivare la luce, hanno trovato solo una candela fioca che non riesco a far brillare, anche se è tutto così vicino.
Mi rimane quel profumo di serenità che non lascia spazio neanche al più gentile dei raggi di sole!

4 commenti:

fradiancona ha detto...

è proprio quando ti senti mancare, che riassapori il senso della vita...

la_stupida ha detto...

i sapori non mi mancano in questa vita
grazie ;)

Anonimo ha detto...

da piccolo a scuola ci facevano vedere come si spegneva una candela se si copriva con un barattolo ,per mancanza di ossigeno ,e come si riprendeva subito se si alzava ( in tempo ) il barattolo.

la_stupida ha detto...

ogni tanto riporto ossigeno, va tutto bene!